Apr 28, 2011
Categoria: General
Postato da: carlotta
Da oggi è operativo il nostro sito internet. Buona navigazione.
 

Progetti

***

CAMPAGNA DI SOLIDARIETA' E PROMOZIONE DELLA VISTA

A partire dal 1° settembre 2017 al 31 dicembre 2017 su tutto il territorio nazionale, Lotte Werther ONLUS propone visite oculistiche gratuite a tutti i bambini dai 3 ai 15 anni compresi. Le richieste potranno essere presentate via email all'indirizzo: ag.werther@libero.it oppure lasciando i vostri recapiti sulla nostra pagina FB: https://www.facebook.com/LWOnlus/ sarete ricontattati al più presto.

Il sostegno che la nostra Associazione mette a dispoizione sarà utilizzabile pari al 100% della spesa per tutte le famiglie appartenenti alla 1° fascia di reddito così come indicato nelle tabelle ministeriali IRPEF per l'anno 2017 (quindi da 0 a 15.000,00 euro). Sarà invece sostenuta da Lotte Werther Onlus il 80% della spesa necessaria all'intero trattamento per gli appartenenti alla 2° fascia di reddito (quindi da 15.001,00 a 28.000,00 euro).

Le domande saranno accolte in ordine di arrivo e fino ad esauromento fondi.

 

 

 

***

"TO TAKE CARE OF..... " Edizione 2017

Per Questo nuovo anno, Lotte Werther ONLUS sostiene il progetto "Palestra per la mente" un'iniziativa volta a favore delle persone affette da malattie neurodegenerative, in particolar modo dalle demenze, sia quelle di tipo vascolari, quelle di tipo Parkinson, Alzheimer ecc...

I nostri fondi saranno pertanto devoluti alla cura (principalemente intesa come benessere psicofisico), e includerà il percorso diagnostico, valutativo ed infine riabilitativo (ricordiamo quest'ultimo attualmente non previsto dal nostro Sistema Sanitario Nazionale, ed affidato a istituti territoriali), incluso il trattamento personalizzato e domiciliare. I fondi saranno inoltre impiegati per lo studio, la ricerca, la sperimentazione delle suddette tematiche.

Il sostegno che la nostra Associazione mette a dispoizione sarà utilizzabile da tutti coloro che ne faranno richiesta nella misura pari al 90% della spesa necessaria all'intero trattamento per gli appartenenti alla 1° fascia di reddito così come indicato nelle tabelle ministeriali IRPEF per l'anno 2017 (quindi da 0 a 15.000,00 euro). Sarà invece sostenuta da Lotte Werther il 50% della spesa necessaria all'intero trattamento per gli appartenenti alla 2° fascia di reddito (quindi da 15.001,00 a 28.000,00 euro).

La domanda dovrà essere inoltrata al seguente indirizzo di posta elettronica: ag.werther@libero.it  le stesse, saranno accolte in ordine di arrivo e fino ad esauromento fondi.

 

***

TO TAKE CARE OF.... "Nonno Attivo"

CAMPAGNA GRATUITA di informazione e prevenzione delle malattie neurodegenerative. L'associazione Lotte Werther ONLUS mette a disposizione un'equipe di professionisti per valutazioni neuropsicologiche. A partire dal mese di Aprile, verrà effettuato GRATUITAMENTE uno screening valutativo dello stato cognitivo alla fine del quale, se necessario, verranno fornite indicazioni per effettuare esami più approfonditi e per seguire un percorso riabilitativo combinato motorio e cognitivo con l'utilizzo di tecniche di sostegno adeguate e specifiche per ogni contesto.

===
Ambulatorio Misericordia di Selvatelle - Terricciola (Pi) tutti i venerdì dalle ore 14:00 alle 19:00 a partire dal 7 aprile 2017.

===

Per info e prenotazioni 
Dott. Saverio Ottino cell: 340-0055075

***

 

 

 

TO TAKE CARE OF..... TERREMOTO CENTRO ITALIA

Purtoppo le catastrofi non sono nè prevedibili nè facilmente gestibili, l'importante è essere solidali verso chi sta vivendo un poeriodo di estrema difficoltà e necessità.

I quattro comuni dell'Unione Altavaldera porteranno il loro aiuto diretto e concreto, come già fatto in precedenza, anche sabato prossimo 21 gennaio 2017. Chi vorrà potrà partecipare potrà informarsi direttamente delle Misericordie di questi comuni. Per chi vorrà potrà anche donare un contributo:

- c/c intestato a ALTAVALDERA: IBAN: IT 65 N 05034 14011000000123456

- c/c intestato a LOTTE WERTHER ONLUS: IBAN IT 41 O 03032 14000010000000911

Per quanto riguarda Lotte Werther, dovrete indicare espressamente nella causale del versamento, la dicitura: "Terremoto".

Grazie dunque a chi si renderà partecipe a sostenere questa iniziativa promossa dalle Amministrazioni Comunali e dalle Misericordie dei 4 comuni dell'Altavaldera.

L.W.O.

 

***

TO TAKE CARE OF.... Fortuna Dell'Orzo: "Ho il cancro, datemi una mano"

C’è chi per linea editoriale non dà voce alla povera gente, perché se ne aiuti uno poi devi aiutarli tutti. È vero, non è facile stare dietro a tutti i bisogni di chiunque esponga le proprie necessità. Casa, lavoro, assistenza, figli contesi, abusi. Abbiamo stretto tante mani tese, qualche volta riuscendo a stravolgere l’esistenza compromessa di uomini e donne disperati, senza temere di inimicarci questo o quel potentato. La vità, però, è una ruota che non smette mai di girare. Adesso siamo noi de ilquotidianoitaliano.it che vi tendiamo la mano: un aiuto concreto per l’amica e collega giornalista Fortunata Dell’Orzo. Il direttore della pagina nazionale. Fortunata ha scelto di parlarvi dal suo letto di ospedale, poche settimane dopo essere stata sottoposta a due lunghissimi interventi chirurgici imprevisti. Sì, perché Fortunata era andata in ospedale per un intervento di routine, poi si è trovata a combattere con un “mostro”, uno dei più infami. Il colpo è stato durissimo, ha rischiato di finire in rianimazione perché sembrava non riuscisse a svegliarsi dall’anestesia. Il male ha bloccato la sua vita e quella della sua famiglia. Per rimettersi in sesto, con l’aiuto di Dio, ha bisogno di cure e dell’assistenza in un centro specialistico. Il suo, come quello di ciascuno di noi – al netto delle eccezioni – è un lavoro normale, con una paga modesta, troppo per bastare a sopportare da sola questo peso. A Bari la conoscono in tanti, non è mai passata inosservata. Penna pungente, spesso provocante, a volte eccessiva, almeno quanto il suo slancio verso i più umili e bisognosi, ai quali ha dato voce centinaia di volte. Una vita di pace e accoglienza. Si sposata con un uomo di colore, che ancora le sta accanto giorno e notte, ai tempi in cui quel tipo di matrimonio era considerato un “delitto”. Nel suo appello c’è il senso estremo della fragilità e dignità della vita, anche in un momento di difficoltà come questo, il più tremendo che un uomo possa affrontare. E' possibile contribuire anche con un gesto piccolissimo, il suo IBAN è: IT 28F0542404010000001059147, intestato a Fortunata Dell’Orzo.

Dunque, non solo gesti mediatici, non solo tam-tam virtuale, facciamo qualcosa di concreto per Fortunata, anche piccolo, non importata mostrare la cifra, ognuno farà quello che può in base alle proprie possibilità, ma facciamo circolare le ricevute dei bonifici, così che non sia solo un click perso nella rete dell'Web, ma sia un sostegno per chi in questo momento ha davvero bisogno dell'aiuto di tutti!

 

***

CORSO DI RILASSAMENTO E APPRENDIMENTO TECNICHE DI VISUALIZZAZIONE

TERMINE ISCRIZIONE 25 FEBBRAIO 2016

Le  tecniche di rilassamento sono molteplici e vengono utilizzate per:

  1. acquisire consapevolezza della tensione muscolare a riposo e in attività;
  2. per essere in grado di ascoltare il nostro corpo, sentirci padrone di esso ed essere in grado, attraverso un lavoro di progressiva presa di coscienza, di completare mentalmente il nostro Inventario corporeo;
  3. per gestire situazioni ansiogene o stressanti attraverso un programma che vede unite le abilità di rilassarsi e visualizzare;
  4. per prepararci all'utilizzo dell'abilità immaginativa (Visualizzazione o Imagery): ogni visualizzazione è preceduta da una fase di rilassamento

Con la partecipazione dell’Ass.ne Lotte Werther ONLUS, il  corso si articola in 6 incontri guidati da un'esperta, ogni martedì a partire dal 1° marzo al 5 aprile 2016 della durata di un’ora ciascuno.  Il costo di ogni incontro è di 15 a persona, mentre di euro 25€ presentandosi in coppia. Si richiede la presenza di almeno 8 iscritti e si suggerisce un abbigliamento molto comodo.

Il primo incontro sarà introduttivo e in quelli successivi verranno praticati una serie di esercizi da svolgere mentalmente, ed altri si baseranno sulla compilazione di alcune schede che vi saranno fornite da noi. Tali esercizi permetteranno ,  all'interno del programma,  di apprendere le seguenti abilità di base:

  • rilassamento (tecnica di distensione)
  • abilità di prefiggersi delle mete (Goal setting)
  • abilità di immaginazione e di visualizzazione (Imagery)
  • gestione dell'energia psico-fiisica (Gestione dell'Arousal o attivazione)
  • abilità attentive e concentrazione (Focus interno-esterno)
  • gestione delle situazioni ansiose e stressanti (Individuazione degli stressor)

Per  informazioni e  iscrizione chiamare

Dott.ssa Alessandra Niccolai  cell: 342.8057803

Casarosa Elena cell: 050.701390

Ninci Sara: 320.9665386

Dott.ssa Carlotta Zanobini: 338.8628625

 

 

 

 

PREGETTO GAP

Il progetto iniziato nel marzo del 2015 sul gioco d’azzardo, sta dando i suoi frutti, a dimostrazione che parlare, informare, trasmettere notizie e dati concreti serve davvero!  In seguito al tour che abbiamo organizzato in cinque città italiane, abbiamo avuto diverse richieste di assistenza terapeutica per alcune persone, purtroppo attanagliate da questa morsa infernale. Ci stiamo adoperando al massimo per cercare di sostenere i costi dell’assistenza, perché purtroppo a livello del Sistema Sanitario Nazionale, non siamo ancora ben strutturati per accogliere questo genere di patologia. Ai pazienti patologici occorrono servizi specializzati e dedicati, non è possibile sperare di poter aiutare persone affette da GAP (gioco d’azzardo patologico) con cadenze saltuarie, occasionali o al massimo mensili! Per questo Lotte Werther ONLUS, grazie al progetto “TO TAKE CARE OF…” si prende cura di stabilire un rapporto di fiducia, grazie alla disponibilità del personale qualificato al proprio interno, con i vari operatori sanitari (medici, psicologi, psichiatri ecc…) in qualunque parte d’Italia (ovunque ce ne sia richiesta) ed insieme riuscire a monitorare passo passo la terapia e l’assistenza adeguata, provvedendo a coprire i costi necessari.

Questo è il nostro codice iban: IT41 O 03032 14000 010000000911 intestato a Lotte Werther ONLUS e chiunque voglia, può partecipare contribuendo nella misura in cui crede a sostenere questo progetto indicando nella causale “PROGETTO GAP”. Le cifre raccolte saranno pubblicate sul nostro sito e nella nostra pagina FB, mostrando interamente il CRO (numero identificativo del bonifico) con l’importo ricevuto. Questo per dovere morale e trasparenza verso tutti coloro che scelgono di accordarci la loro fiducia!

Grazie a tutti,

 

Lotte Werther ONLUS

 

 

 

Si avvicina il "settembre di Ilaria" una serie di appuntamenti organizzati dall'Associazione "AMICI DI ILARIA". Invito tutti coloro che seguono Lotte Werther ONLUS a prendere nota di questi appuntamenti con lo stesso interesse e cura di quando seguono i nostri eventi, perchè "fare associazione" - consentiteci l'uso del termine - non significa tirare avanti il proprio carretto, ma condividere il bene comune, quanto più possibile, senza "marchio", ma per un senso civico e morale INDISPENSABILE a far girare il mondo!! In questo settembre ci sarà spazio per grandi e per bambini, oppure per "grandi-ancora-bambini": dalla ciclopedalata (bellissima! Per le strade di Viareggio una flotta pedali diretti tutti in una STESSA direzione!), al Nonna Papera's day (torte belle, buone, originali, gustose...).
La speranza è quella che possiate partecipare in molti, la certezza è che se lo farete, incontrerete persone speciali, unite da un grande amore per la "vita"!!

A presto, L.W.O.

 

 

Ieri, 15 luglio 2015, è terminata l'offerta di sostegno da noi proposta grazie alla collaborazione ed alla disponibilità di alcuni medici e psicologi che anzichè donare soldi, hanno donato la propria disponibilità. Nel tempo della famigerata crisi, dove pare senza soldi non si possa avere neanche la dignità di esistere, Lotte Werther ONLUS ha voluto dimostrare che non è sempre e solo così. Si possono aiutare le persone anche donando parti di noi, parti del nostro tempo e parti del nostro cuore, e se vogliamo è molto più difficile e più impegnativo che non fare una semplice donazione. Con tutta l'umanità e l'umiltà del caso ringrazio di cuore chi si è proposto per seguire questa iniziativa, chi crede ancora che i soldi non siano al vertice della piramide dei valori e chi ancora una volta ha scelto l'onestà e la semplicità di aiutare il prossimo. Questi sono i valori del volontariato e della solidarietà, senza tessere, senza bandiere e soprattutto senza barriere! Sicuramente non stiamo percorrendo una strada facile, ma ci sono corridori che come noi nascono per vincere le salite ed altri che sono imbattibili nella velocità, l'importante è giungere al traguardo!

Grazie, centomilavolte GRAZIE (è così bella questa parola!)

L.W.O.

 

Famiglie, persone, adolescenti, chiunque stia attraversando un periodo difficile, può contare sulla disponibilità dei nostri medici e psicologi. In questo caso, dal progetto "TO TAKE CARE OF....", nasce una nuova opportunità: tutti coloro che sono interessati a ricevere assistenza psicologica sono pregati di rivolgersi alla nostra mail: ag.werther@libero.it oppure, nella nostra pagina FB, lasciando nome cognome ed un recapito telefonico al quale sarete quanto prima ricontattati. Si accolgono domande fino al 15 luglio 2015 per poter attivare un ciclo di terapia e consulenza psicologica completamente gratuito.

TO TAKE CARE OF......perchè prenderci cura di noi è bello, ma degli altri lo è ancora di più....

 

L.W.Onlus

 

 

***


Sabato 28 marzo 2015 ore 18:00 SLOTMOB #79 a Pisa:"Un bar senza slot ha più spazio per le persone".

Felice di poter prendere parte con altre importanti associazioni all'iniziativa promossa da ADDIO SLOT di Pisa. Vi aspetto, con la dottoressa Maria Anna Donati e Marika Pezzolla presidente di Addio Slot.

 

 

 

A breve inizierà il nuovo progetto sul GAP - Gioco d'azzardo patologico - un tour di 6 tappe in 6 diverse città italiane, in cui sarà affrontata la tematica del gioco sotto vari punti di vista: dal sociale al culturale al patologico-assistenziale. Gli eventi saranno abbinati a musica, danza e teatro, a breve....a brevissimo tutte le altre informazioni, per il momento prendete nota di date e luoghi:

- 13 marzo 2015 ore 18:00 Sala della Protomoteca in Campidoglio - Roma -

- 14 marzo 2015 ore 21:15 Teatro delle Commedie - Livorno

- 15 marzo 2015 ore 17:00 Teatro Comunale DiVino - Terricciola (Pisa)

- 11 aprile 2015 ore 18:00 "Io Ci Sto" - Via Cimarosa, 20 Loc. Vomero - Napoli

- 14 aprile 2015 ore 20:30 Teatro Mercadante - Altamura (Bari)

- 24 aprile 2015 ore 20:30 Teatro Del Carro - Molfetta (Bari)

 

A presto,

L.W.O.

 

 

***

Ecco qui il risultato del nostro impegno: il nostro bel teatro tutto esaurito per Christian! Sono stati raccolti oltre 700,00 euro che abbiamo diviso metà con destinazione alla ricerca delle malattie rare, grazie alla coop erazione c on AST-Toscana (Associazione Sclerosi Tuberosa) e per metà a Lotte Werther ONLUS con destinazione "Christian".

Per adesso L.W.O. ha raccolto per Christian un totale di euro 585,00 e ribadisco: "per adesso" perchè siamo sicuri di poter fare...ancora qualcos'altro!! La nostra associazione è ancora troppo "piccola", e...con il supporto di Telethon...restiamo "piccoli" ...ma fiduciosi! Così, noi aiutiamo le famiglie e Telethon sostiene la ricerca! Insieme ce la possiamo fare: IO ESISTO!

 

"I fiori, la musica e i bambini, sono i gioielli della vita" - Tchaikovsky -



Lotte Werther ONLUS e AST vi aspettano sabato 20 dicembre a Terricciola (Pi) per scambiarci un gran regalo: "tanto affetto"!!

 

Questo il programma della serata:

- ore 19,30 vi aspettiamo al buffet (sala adiacente al Teatro Comunale) per festeggiare il Natale e soprattutto per fare degli "auguri speciali" al nostro piccolo-grande Christian

- ore 21,15 continueremo in teatro dove ospiti importanti ci parleranno delle malattie rare ed in particolare del CDKL5, rincuorati dalle note dei ragazzi dell'Accademia della Chitarra di Pontedera che per l'occasione presenteranno temi natalizi e popolari in formazione di "Quartetto Sax"

Vi ricordo che per il buffet è necessaria la prenotazione, via FB, via mail: ag.werther@libero.it oppure al numero: 338-8628625.

 

 

***

 

Questo è il clima natalizio che mi piace! Questi sono i "doni" piccoli, grandi, ma fatti con il cuore che stiamo regalando, con grande gioia, al piccolo Christian:

25/09 0000028623693005483421071* 10,00 euro
27/09 0000056972254442201444878* 5,00 euro
30/09 0014200000144785411177015* 5,00 euro
10/10 0000008896552014722277017* 10,00 euro
13/10 0000745987410001475000144* 5,00 euro
03/12 0000000001101143350383760* 200,00 euro


Ricordo a quanti volessero contribuire, e non ci stancheremo mai di ripetere con le parole di Madre Teresa: "Non importa quanto si dà, ma quanto amore si mette nel dare".

 

PROGETTO: CDKL5

L’attenzione al CDKL5 da parte della ns associazione è contestuale all’appello di Barbara Zanoni, mamma del piccolo Christian. Convocammo subito un Direttivo ed in quella occasione pensammo che fosse importante contribuire a questa causa. Christian è uno dei pochissimi casi al mondo (circa 300) in cui il gene CDKL5 ha subito una modificazione, procurando disordine a livello neurologico che poi si manifesta in tutto il corpo. Da tempo la nostra associazione collabora con AST, SM e altre associazioni che sostengono la ricerca per le così dette "malattie rare", oggi più che mai, vorremmo risparmiare ai bambini, quanta più sofferenza possibile ma purtroppo non possiamo far altro che cercare di parlarne il più possibile affinche il grido di aiuto possa raggiungere coloro che potrebbero avere la “possibilità” di fare concretamente qualcosa. Il gene CDKL5 codifica per una proteina che è essenziale per il normale sviluppo cerebrale. Anche se si sa molto poco riguardo alla funzione della proteina CDKL5, si ipotizza che possa giocare un ruolo nella regolazione dell’attività di altri geni, compreso il gene MECP2 (responsabile della Sindrome di Rett). La proteina CDKL5 agisce come una protein-chinasi. Le protein-chinasi modificano altre proteine aggiungendo ad esse un gruppo fosfato, cioè per fosforilazione. La fosforilazione comporta solitamente un cambiamento funzionale della proteina bersaglio, ad esempio l’attivazione del substrato stesso. Le protein-chinasi ricoprono, per questo motivo, un ruolo centrale nel processo di trasduzione del segnale e delle risposte. Non si conoscono ancora i bersagli molecolari di CDKL5. La maggior parte dei bambini affetti da CDKL5, così come Christian, soffre di crisi epilettiche che iniziano nei primi mesi di vita. La maggior parte di questi bambini non può camminare, parlare o nutrirsi, e molti sono su sedia a rotelle. Molti soffrono anche di scoliosi, problemi alla vista e alla motilità gastrointestinale. Questa è la lista attuale dei sintomi riportati dalla letteratura. Così abbiamo iniziato a lavorare al programma e, fortunatamente abbiamo ricevuto l’adesione del Prof. Tommaso Pizzorusso - professore associato Univerità di firenze e istituto di Neuroscienze CNR di Pisa. del Prof. Stefano Pulvirenti, Dirigente Medico di Primo Livello Unità operativa ospedale Lotti di Pontedera e Presidente AVIPP, infine della Dottoressa Maria Tilde Torracca medico della ASL5 distretto di Pisa, da cui il piccolo è assistito. L'evento, oltre a noi è organizzato dall'Ass.ne Sclerosi Toberosa Toscana, con il presidente Vania Bulleri, mentre il nostro Sindaco Maria Antonietta Fais del Comune di Terricciola sarà con noi per sostenere in modo ufficiale la ricerca verso le malattie rare ed in particolare il CDKL5. La serata verrà aperta dagli allievi dell’Accademia della Chitarra di Pontedera con un quartetto sax diretto dal Maestro Marco Vanni dopo di chè si articoleranno gli interventi anticipando che cosa sono le malattie rare – grazie alla presenza dell’associazione AST – ed in particolare quella che ha colpito il piccolo Christian. Sempre i ragazzi dell’Accademia concluderanno la serata con la presentazione di alcuni brani temi natalizi. Spero tanto che possiate raccogliere questa iniziativa, perchè gli eventi si affrontano in tanti modi, ma quando si resta soli tutto diventa ancora più difficile! Facciamo sentire a Christian che: NOI CI SIAMO!

***

 

 

Questa è la storia di Christian e di Barbara, sua mamma. Io mi unisco all'appello che ha rilasciato oggi al Tirreno, al fine di poter sostenere la ricerca contro le malattie rare. Christian è uno dei pochissimi casi al mondo (circa 300) in cui il gene CDKL5 ha subito una modificazione, procurando disordine a livello neurologico che posi si manifesta in tutto il corpo.

Da tempo la nostra associazione collabora con AST, SM e altre associazioni che sostengono la ricerca per le così dette "malattie rare", oggi più che mai.....vorremmo risparmiare ai bambini, quanta più sofferenza possibile!
Queste le coordinate: IT 41 O 03032 14000 01000 0000 911 (per favore nella causale del versamento scrivere PER CHRISTIAN), questo per chi può darci una mano. A nome personale, Carlotta Zanobini e della Lotte Werther Onlus: GRAZIE

***

 

Lotte Werther ONLUS per AST Onlus, l'Associazione Sclerosi Tuberosa come ogni anno offre una fantastica lotteria, in cui si possono vincere crociere da sogno, tablet, smartphone e altri fantastici premi, senza considerare che.....il premio più bello è LA VITA!! soltanto 1,00 euro!! Per prenotare i biglietti lasciate un messaggio sulla ns pagina FB, oppure alla mail: ag.werther@libero.it

 

 

 

Speciale To Take Care Of... Sardegna!

Abbiamo volutamente oscurato l'importo donato, perchè c'è una delle frasi più belle di Madre Teresa che dice "non importa quanto dai ma quanto amore metti nel dare", e noi....qui ne abbiamo messo molto! Un pensiero ai nostri amici delle Sardegna, affinchè possano riprendersi presto la loro bella e amata terra.

L.W.O.

 

 

PROGETTO:  “To Take Care of…”

 

To take care” dall’inglese “prendersi cura” termine tecnicamente utilizzato in ambito psicologico per definire una particolare relazione di bisogno / aiuto non solo fisico ma anche mentale. L’espressione ha una valenza molto più ampia rispetto alla traduzione letteraria  perché coglie la reciprocità sia di colui che viene “assistito” sia da colui che invece presta “l’aiuto”.

 

Purtroppo la crisi economica e sociale che stiamo vivendo ha contribuito a far  crescere il numero delle famiglie in difficoltà. Molte di loro possono incorrere in squilibri psicologici talvolta lievi, talvolta molto seri. Lo stato di “bisogno” non è semplice da dichiarare, pensiamo a tutti coloro che vivono la perdita del lavoro come un dramma non solo per  il disavanzo economico, ma come trauma psicologico. Nonostante il “bisogno”, questo stato resta ugualmente difficile da affermare e quindi chiedere “aiuto”. Tutti i membri della famiglia ne possono risentire, ma questa sofferenza è maggiormente avvertita dal “capofamiglia” – o da colui che ne fa le veci – in cui,  visto il ruolo sociale ricoperto, si insidia l’idea di non essere in grado di “provvedere” ai bisogni della propria famiglia.

 

Cosa possiamo fare?! Non molto purtroppo! Di certo non possiamo restituirgli il lavoro! Ci siamo interrogati su questi problemi, che sono drammaticamente più diffusi di quanto avevamo immaginato! Così, riflettendo sul nostro ruolo, nell’ultimo Consiglio Direttivo è emersa la comune volontà di indirizzare il nostro aiuto ad alcune delle famiglie che attualmente si trovano in questa fase di svantaggio.

 

Come abbiamo poc’anzi accennato, il “prendersi cura di” non è solo riferito all’aspetto economico, quindi, abbiamo pensato di destinare il ricavato ottenuto delle nostre attività culturali in due parti. L’una che servirà a fornire alla famiglia beni di primaria necessità (es: fare la spesa, ma anche l’aiuto al pagamento delle utenze come luce e gas, ecc…), l’altra, a fornire un servizio di assistenza psicologica con personale qualificato.

Il numero delle famiglie che potremmo aiutare dipende dalla raccolta fondi che saremo capaci di organizzare a fronte dei nostri spettacoli. Per questo puntiamo ancora una volta su eventi culturalmente validi, cerando spazi gratuiti per non aggravare le spese, e offrendo rappresentazioni di vario genere perché siano quanto più condivisibili possibile.

 

Purtroppo essendo ancora un’associazione piccola e non avendo liquidità tale da poterci permettere di estendere l’aiuto a tutti coloro che ne fanno espressa richiesta, abbiamo dovuto inserire delle priorità, ovvero, il nostro contributo sarà devoluto a:

-         Famiglie con almeno 1 coniuge disoccupato

-         Famiglie con figli e genitori separati

-         Famiglie numerose con 4 o più figli a carico

-         Famiglie di 2 o più persone con reddito complessivo non superiore  24.000,00 euro.

 

In ogni caso OGNI proposta ricevuta sarà accuratamente vagliata e proposta a Consiglio Direttivo che si assume l’onere di rispondere in entrambi i casi entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione.

 

Coloro ai quali saranno donati gli aiuti, saranno avvisati privatamente e previo colloquio di tutte le modalità e/o possibilità che la Lotte Werther ONLUS ha facoltà di disporre, oltre a fornire gli indirizzi del personale qualificato che li seguirà (diverso per area territoriale di appartenenza).

 

 

Ricordiamo inoltre, per chi volesse sostenere “TO TAKE CARE OF…” può farlo con una donazione al c/c intestato a Lotte Werther ONUS nr.  IT 41 O 03032 14000 010000000911 qualora conserviate la ricevuta di versamento, potrete rendere il contributo deducibile ai fini della Legge 23.12.2005 nr. 266 art. 1 comma 353 e Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8.5.2007 e 25.2.2009.

 

 

To take care of…” perché riuscire a prenderci cura di noi stessi è bello, ma prendersi cura degli altri lo è ancora di più!!

 

 

**  Avvisi:

1) TUTTI gli operatori socio / sanitari (assistenti sociali, medici, psicologi ecc..) che vogliono partecipare il progetto si prega di lasciare nome, cognome e luogo di residenza al nostro indirizzo mail: ag.werther@libero.it indicando nell’oggetto solo il nome del progetto : “TO TAKE CARE OF…” oltre al numero di telefono a cui volete essere contattati.

2) TUTTE le associazioni che vogliono partecipare insieme a noi al progetto: ricordiamo che l'unione fa la forza!! La Lotte Werther ONLUS sarebbe estremamente felice di condividerne le finalità con chiunque ne abbia la volontà!!

3) TUTTE le persone, senza alcuna qualifica, che mostrano interesse al progetto possono unirsi, le cose fatte INSIEME valgono sempre molto di più!!

 

 

***

ATTENZIONE "GUID-ABILE" IO, LA NATURA E TU HA RAGGIUNTO IL LIMETE SUFFICIENTE DI FINANZIAMENTI, PER CUI NON NECESSITA DI ULOTERIORI CONTRIBUTI NE' PUBBLICI NE' PRIVATI. GRAZIE A NOME DI TUTTI!

 

PROGETTO:  “GUID-ABILE” IO, LA NATURA E TU

Progetto di Agricoltura  Sociale per l'integrazione sociale  anno 2012 .

 

OBIETTIVO

 

Favorire maggiori livelli di inclusione sociale possibili per le persone affette da disturbi dello spettro autistico.

 

DESTINATARI

6 ragazzi dai 12 ai 18 anni con una disabilità psico-fisica di spettro autistico.

I ragazzi che frequenteranno il progetto sono individuati e inviati dall' Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza dell'Azienda USL 5 di Pisa Zona Valdera, con la quale l' Associazione ha stretto proficui rapporti di collborazione ormai già da alcuni anni. Essi quindi potranno essere residenti in uno qualsiasi dei quindici Comuni della Valdera.

 

Il gruppo 2012 è così composto:

-          3 ragazzi/adolescenti   che in passato hanno già partecipato come utenti  ai Progetti di Agricoltura Sociale rispettivamente negli anni 2009, 2010 e 2011;

-          3 ragazzi/adolescenti  segnalati dal Servizio U.F.S.M.I.A. USL 5 PONTEDERA.

 

ATTIVITA'

RICORDIAMO CHE PER MOTIVI DI ETICA E PRIVACY NON TUTTO IL PROGETTO E' RIPORTATO DI SEGUITO, TUTTAVIA OGNI DETTAGLIO SI RENDERA' NOTO A CHI MOSTRERA' INTERESSE. LA SIG.RA LUISELLA TRAMERI, RESPONSABILE DELL'ASSOCIAZIONE ORECCHIE LUNGHE E PASSI CORTI SARA' LIETA DI RISPONDERE AD OGNI DOMANDA.

Il progetto avrà una durata complessiva di 30 incontri, all’interno del periodo compreso tra luglio e ottobre 2012, e cioè due  incontri settimanali  della durata di  2 ore per incontro.

I primi dieci incontri sono finanziati dalla Società della Salute della Valdera attraverso l' Unione Valdera mentre per gli altri venti l'Associazione sta cercando di reperire finanziamenti e sponsorizzazioni da privati e aziende.

 

Fase 1: Primo approccio con l'animale (...)

 

Fase 2: I ragazzi più "esperti" perchè inseriti nel Progetto 2011 potranno stimolare e trasmettere le loro esperienza ai nuovi arrivati (...)

Fase 3: Percorsi co-guidati nei sentieri della pineta, per il riconoscimento della flora, della fauna. (...)

 

Fase 4: “Sopra le ali della fantasia” (...)

 

MODALITA' E METODOLOGIA:

 

Come già accennato il metodo progettuale è improntato alla individualizzazione delle attività, all'ascolto e all'accoglienza delle esigenze di ogni singolo ragazzo coinvolto.

L' utilizzo di asini e il bel contesto naturale nel quale le attività vengono realizzate favorisce la lentezza, il rispetto dei tempi di ognuno e l'elasticità necessarie a modificare e far nascere idee in corso d' opera.

 

Il personale operante nel progetto è costituito da :

 

  • n. 1 conduttore/ responsabile,  guida equestre ENGEA con qualifica socio-sanitaria;
  • n. 3 educatori/conduttori ;
  • n. 1 giornalista

 

LUOGO DI REALIZZAZIONE:

 

Pineta di Poggio alla Farnia a Casciana Terme (Pisa) in compagnia degli asini, che sono messi a disposizione dell’Associazione Orecchie Lunghe e Passi Lenti .

 

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE ESITI

La valutazione degli esiti e dei benefici verrà svolta dagli stessi educatori internamente, con i genitori dei ragazzi,  con i medici specialisti dell' U.F.S.M.I.A. AZIENDA ASL 5 PISA ,  prioritariamente con la dott.ssa Poli Paola e la dott. ssa  Remorini Elisabetta NPI sia per la programmazione, per la pianificazione del progetto che per la verifica dei risultati conseguiti.

 

 

***

PROGETTO: La fattoria didattica

 

Questo progetto, nato dalla collaborazione tra l’associazione ARCA di NOE, LOTTE WERTHER ONLUS e la Dott.ssa Maria D’Agata della Facoltà di Medicina Veterinaria di Pisa, mira a studiare il rapporto di reciprocità tra uomo e animale, nel caso specifico tra bambini ciechi e conigli. Verranno organizzati incontri durante i quali i bambini avranno la possibilità di interagire con questi animali, di conoscerli, di giocare con loro e di apprendere le principali nozioni sull’allevamento.

 

La specie cunicola è stata scelta per questa attività perché ben si presta ad un primo approccio con i bambini che per le loro condizioni disagiate possono soffrire di disturbi psico-comportamentali e della fobia degli animali. La scelta è stata effettuata principalmente per le piccole dimensioni di questi animali e per la loro estrema docilità, per la loro tranquillità, per le loro dimensioni ridotte che non spaventano il bambino e per il loro comportamento non invadente nei confronti dell’umano, nonché per le sensazioni positive che trasmettono attraverso la manipolazione e il tatto.

 

Gli animali verranno allevati con metodo estensivo presso uno spazio messo a disposizione dall’ass.ne ARCA di NOE’.

 

Gli animali utilizzati non saranno ibridi commerciali, bensì una popolazione locale, in seguito denominata “coniglio di cortile”. Questa scelta è stata dettata dalla rusticità del “coniglio di cortile”, caratteristica importante per garantire una maggiore sicurezza sanitaria per i bambini, non solo perché sono animali molto resistenti alle malattie, ma soprattutto perché proprio per i motivi già detti, sono animali che ben si prestano all’allevamento all’aperto, quindi anche in condizioni atmosferiche migliori dal punto di vista sanitario sia per i conigli sia per i bambini; inoltre preme sottolineare che il “coniglio di cortile”, rispetto alle razze selezionate per l’allevamento tradizionale dimostra una minore paura nei confronti dell’uomo e in alcuni casi addirittura si presta all’affezione, ciò forse è dovuto al fatto che per decenni in passato è stato parte integrante di società umane, basti pensare che fino a 20-30 anni fa, in quasi tutti i cortili e le aie erano presenti queste popolazioni e i bambini giocavano con gli animali.

Attualmente in lingua italiana “pet therapy” si traduce in zooterapia, ovvero terapia attraverso gli animali basata sugli effetti dell’interazione uomo-animale. È importante puntualizzare subito che non è una vera e propria terapia, ma può essere considerata una co-terapia in quanto integra, rafforza e coadiuva le tradizionali terapie e può essere impiegata su pazienti affetti da differenti patologie con obiettivi di miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, psicosociale e psicologico-emotivo.

 

Le attività si svolgeranno all’aperto, mentre in piccola parte (10%) in un luogo reso idoneo all’ospitalità dei bambini per prepararli all’incontro con gli animali e poi alla fattoria didattica allestita presso “L’Arca di Noè”. Lo scopo della pet-therapy è quello di facilitare l'approccio medico e terapeutico delle varie figure mediche e riabilitative soprattutto nei casi in cui il bambino non dimostra collaborazione spontanea. La presenza di un animale permette in molti casi di consolidare un rapporto emotivo con il paziente e, tramite questo rapporto, stabilire sia un canale di comunicazione bambino-animale-medico sia stimolare la partecipazione attiva del bambino.

 

 

Rivolto a:

 

Le figure che potranno essere coinvolte nell’iniziativa saranno psicologi, medici e veterinari pertanto si richiede la collaborazione delle Facoltà di Psicologia, di Medicina e Chirurgia e di Medicina Veterinaria dell’Università di Pisa.

 

Il range scelto per l’attività didattica dei bambini varia preferibilmente tra i 7 ed gli 11 anni, sarà formato un solo gruppo misto comprensivo di bambini normo dotati e disabili sensoriali (ciechi nello specifico). L’Arca di Noè gestirà a livello burocratico e coordinativo i bambini normodotati, mentre la Lotte Werther ONLUS si occuperà degli altri.

 

Durata del progetto: 4 / 6 mesi al termine del quale i conigli torneranno alla loro ubicazione primaria, salvo che qualcuno ne faccia richiesta di adozione (ovviamente saranno donati in modo gratuito).

 

 

 

Reperibilità dei fondi:

Questo progetto si avvale della collaborazione della “Lotte Werther ONLUS”, associazione non lucrativa che indirizza il proprio sostegno verso persone svantaggiate e/o diversamente abili sia in termini fisici che psicofisici. L’associazione, promuove in concomitanza alla presentazione di questo progetto alcuni spettacoli sulla disabilità appunto, tra questi ne abbiamo individuato uno che è pienamente condivisibile con questo tipo di attività e che s’intitola: “LA BAMBINA CIECA E LA ROSA SONORA”, vedi scheda tecnica allegata.

 

Oltre, ovviamente alla partecipazione di sponsor privati.

 

 

Richieste economiche a Istituzioni pubbliche:

 

Dato il momento di particolare difficoltà economica, non facciamo richiesta specifica alle istituzioni Pubbliche, ma cerchiamo di incidere nel loro budget in maniera meno dispendiosa possibile chiedendo se possibile una location nel Vs comune ove poter svolgere i primi incontri di preparazione e per presentare lo spettacolo: un teatro, un auditorium,  o altro che ritenete più opportuno. Ovviamente qualsiasi tipo di aiuto o sostegno, finanziario e non, sarà gradito oltremodo!

 

 

** Opportunità professionali:

 

Ci riferiamo al fatto di poter formare almeno nella parte iniziale, o un primo Master di formazione, il personale idoneo per la continuità del progetto. Vi chiediamo pertanto di valutare, insieme all'assessore delle politiche sociali, o alle politiche giovanili, l'eventualità di reperire risorse umane dalle liste di disoccupazione oppure intercedere presso le facoltà universitarie mirate per ottenere i nominativi dei laureati in modo da poter facilitare la divulgazione della suddetta attività.

 

***

 

PROGETTO: "NON SOL-O- ACQUA" si è concluso nel marzo 2012